Al momento sei
Home > Piante > Le piante divertenti da interno
Le piante divertenti da interno
pianta drosera trappola adesiva

Alcune piante da interno sono divertenti o educative più che essere eleganti e belle. Rappresentano un buon modo per far piacere le piante sopratutto ai bambini, ma alcune son anche delle interessanti piante da tenere in casa.

Le piante carnivore affascinano da sempre i più piccini. Poche sono belle, anche se alcune indubbiamente hanno dei bei fiori. La Pinguicula grandiflora presenta graziosi fiori di colore rosa simili a delle violette su lunghi steli che sembrano perdurare anche per alcune settimane.

Alcune specie di piante divertenti non possono essere coltivate in maniera corretta e soddisfacente in casa, tuttavia per alcune vale la pena provare. La Dionaca muscipula (trappola a scatto), la Drosera capensis (trappola adesiva), la Pinguicula grandiflora (trappola di carta moschicida) e la Sarracenia flavia (trappola a trabocchetto) sono assolutamente le più interessanti e quelle più accettabili da coltivare in appartamento, anche se devono essere trattate e curate con cura e passione se si desidera dargli lunga vita.

Le piante sensibili

Tra le piante divertenti da posizionare e tenere in casa meritano una particolare menzione le piante sensibili al tatto e che si ritraggono al contatto.
Quella maggiormente diffusa è la Mimosa pudica. Una pianta abbastanza graziosa, dalle foglie sensibili e dai fiori sensibili a forme di palle rosa. Facile da coltivare.

Piante dalle foglie che generano “neonati”

Alcune delle piante simpatiche e divertenti presenti in natura hanno la facoltà di produrre delle piccole piantine sulle foglie, che prima o poi cadranno e si radicheranno. Due abbastanza comuni e disponibili in commercio sono al Kalanchoe daigremontiana (presenta piante in miniatura intorno all’estremità della foglia) e la Kalanchoe tubiflora che produce piantine a ciuffi alla fine delle foglie. Altre piante molto disponibili e facilmente reperibili nei negozi di giardinaggio sono le felci Asplenium bulbiferum e Tolmiea menziesii.


Come curare la piante carnivore

  1. Non usare un compost per vasi. Deve essere acido ed a basso contenuto di minerali solubili;
  2. Coltivare un gruppo di piante in una teca o in un vecchio acquario;
  3. Fornirgli buona luca;
  4. Mettere i vasi su vassoi di ghiaia pieni di acqua in modo da garantirgli umidità;
  5. Solo in alcune occasioni usare acqua demineralizzata;
  6. Evitare l’uso di fertilizzanti.

Commenti

commenti

Top